LA MUSICA D’AUTORE IN ITALIA

Portavoce di sentimenti

La musica d’autore in Italia è sempre stata portavoce del sentimento comune della popolazione. Riesce a leggerne gli stati d’animo sociali, politici e della sfera sentimentale utilizzando un linguaggio sempre attuale e, in alcuni casi, universale.

La musica viene compresa anche dalle generazioni a venire, motivo per cui alcuni classici dei grandi cantautori sono ancora tuttora canzoni che, nonostante siano state scritte in epoche diverse, hanno saputo parlare e toccare corde dell’animo umano.

Esse vibrano ancora oggi rimanendo così tra i brani che si ascoltano con la stessa naturalezza con cui ascoltiamo canzoni scritte nel nostro tempo.

La tradizione cantautorale italiana

La capacità di tradurre con maniacale attenzione le emozioni, ha fatto sì che la musica d’autore si prendesse una fetta importante nella discografia italiana.

Credo infatti che, vista la storia letteraria così importante nel nostro Paese, questa deve aver contribuito a scaturire nell’ascoltatore l’attenzione ai testi anche quando questi venivamo inseriti in un contesto musicale sotto forma di canzone.

La musica d’autore è andata via via aggiornandosi riuscendo sempre così a essere al passo coi tempi.

Dal dopoguerra ad oggi il linguaggio è cambiato sia in termini letterari che a livello di genere musicale, a seconda di quale poteva essere quello più adatto a comunicare in quel momento e a rispondere alle esigenze dell’ascoltatore, non perdendo mai di vista allo stesso tempo i contenuti.

Tempi moderni

Per esempio con l’avvento dei tempi moderni, intorno agli anni novanta, nasce e fa molta presa sui giovani la musica rap che in quel momento è in grado di comunicare e soddisfare il bisogno di un’intera generazione e per questo a mio avviso deve essere annoverata tra la musica d’autore.

Dopo una breve flessione, oggi è tornata di nuovo a farsi sentire cambiando di nuovo il suo linguaggio e forma dando vita anche alla corrente trap.

Nuove correnti musicali

Interessante anche la nascita dello street-pop con gli artisti Indie che hanno saputo rinnovare ulteriormente il linguaggio musical letterario in qualcosa che rispecchia molto i nostri tempi, riuscendo a rendere poetica la semplicità.

Una piena espressione artistica che non si fa limiti di genere musicale o terminologia, non per forza ricercata, che riesce così ad arrivare dritta al punto molto spesso senza l’utilizzo di figure retoriche. Evidentemente questo ha saputo soddisfare il bisogno delle generazioni moderne di semplificare la comunicazione e renderla ancor più accessibile e condivisibile.

Sicuramente la nostra ricerca del talento all’interno del Fortuna Music Awards sarà un piacevole viaggio alla scoperta di tutte le sfumature che la musica d’autore sa regalarci.

Di Federico Fabiano, direttore artistico del Fortuna Music Awards

TORNA INDIETRO